Chi siamo

La società



Marmolada è una società per azioni fondata nel 1965 con lo scopo di realizzare gli impianti di risalita che portano alla cima della Marmolada.

L'impianto



Con tre arditi tronchi di funivia l’impianto porta dalla località di Malga Ciapèla (1450m), passando per le stazioni intermedie di Coston d’Antermoja (2350m) e di Serauta (2950m) fino alla stazione sommitale di Punta Rocca (3265m) proprio di fronte a Punta Penìa, vetta più alta delle Dolomiti (3342 m) dove nitida si staglia la croce che la domina.

Storia


1963 -1965

Progettazione degli arditi ed avvenieristici impianti che prevedevano una portata di 400 persone all'ora.

1965-1969

Costruzione dell‘impianto fino a Serauta, pionieristico per quei tempi.

1970

Completamento dei lavori del terzo tronco di funivia verso Punta Rocca.

1971-1974

Costruzione delle sciovie e delle seggiovie.

1979

Visita del S.S. Papa Giovanni Paolo II e consacrazione della statua della Madonna "Regina delle Dolomiti" nella grotta di Punta Rocca realizzata dagli alpini della Brigata Cadore; .

1982

Collegamento con il tour Sella Ronda e Dolomiti Superski.

2002

Accomodamento delle decennali controversie tra Trento e Belluno per l‘attribuzione della podestà del ghiacciaio. Questi appartiene ora per intero alla Provincia di Trento mentre la corona rocciosa sede degli impianti funiviari è rimasta sotto la giurisdizione della Provincia di Belluno.

2004-2005

Potenziamento dei 3 tronchi funiviari Malga Ciapèla - Punta Rocca, con una nuova capacità di trasporto di ca. 1.000 persone all'ora.

2010

Realizzazione della nuova terrazza panoramica a Punta Rocca – 3265m, la più alta delle Dolomiti.

2011

ristrutturazione del ristorante self-service “Serauta” all’omonima stazione.

2014

rifacimento del “Bar Funivia” in località Malga Ciapèla, alla partenza degli impianti.

2015

Apertura del nuovo museo Marmolada Grande Guerra 3.000m presso la stazione di Serauta. Ampliato e completamente rinnovato, sostituisce il precedente museo e diventa il museo più alto d’Europa.

La Marmolada



La Marmolada con i suoi 3342m è la montagna più alta delle Dolomiti e per questo ne vien chiamata “La Regina”. Geograficamente ubicata fra le province di Trento e Belluno, presenta una maestosa parete a Sud – meta degli alpinisti più arditi – e il famoso ghiacciaio sul versante nord – frequentatissimo da visitatori d’ogni dove, il più esteso delle Dolomiti. Punto di partenza per la cima è la località di Malga Ciapèla nel Comune di Rocca Pietore (BL), un tempo area di alpeggio per le popolazioni dei paesi limitrofi ed oggi ridente località turistica.

Curiosità



Degna porta d'accesso alla Marmolada, la suggestiva gola dei Serrai, è un canyon di 2 km, che unisce l'abitato di Sottoguda a Malga Ciapèla, è considerata una delle meraviglie delle Alpi. L'origine si perde nella notte dei tempi, fu dapprima opera dell'erosione dei ghiacciai, alla quale poi subentrò quella delle acque del torrente Pettorina che scorre tortuosamente lungo la gola.

E’ il luogo ideale d'estate, per una fresca passeggiata con tutta la famiglia, lontano da smog e traffico, lungo la stradina pedonale che costeggia il torrente, alla base delle pareti verticali. D'inverno invece è percorribile anche con gli sci, e quotidianamente si possono apprezzare i funambolismi degli Ice-Climbers impegnati sulle numerose e famose cascate di ghiaccio.

Sempre in inverno, organizzate dal locale Consorzio Operatori Turistici Marmolada hanno luogo ogni settimana delle meravigliose fiaccolate a piedi.

SERRAI DI SOTTOGUDA

Una suggestiva gola che collega l’abitato di Sottoguda a Malga Ciapèla, entrambe frazioni del comune di Rocca Pietore ai piedi della Marmolada. Degna porta d’accesso alla “Regina” delle Dolomiti, questo vero e proprio canyon è considerato una delle meraviglie delle Alpi, la cui origine si perde nella notte dei tempi: dapprima opera dell’erosione dei ghiacciai, è oggi solcato dal torrente Pettorina che tortuosamente ne continua l’opera. Percorribili d’estate come d’inverno con sci, ciaspole o semplici scarponcini, i Serrai si presentano come una facile passeggiata per tutta la famiglia tra le pareti a strapiombo che li caratterizzano, d’invero coperte da vere e proprie cascate di ghiaccio, paradiso degli Ice-Climbers. Fiaccolate, trenino, gare non competitive, meetings di arrampicata su ghiaccio sono solo alcune delle manifestazioni che il Consorzio Operatori Turistici Marmolada organizza nei pressi di questa gola.

MUSEO MARMOLADA GRANDE GUERRA E ZONA MONUMENTALE SACRA

Zona di confine e quindi di fronte durante la Grande Guerra, la Marmolada ricorda i suoi caduti e le loro fatiche con un museo posto a Serauta, seconda stazione funiviaria, grazie al comodato d’uso gratuito offerto dalla società impianti. Ristrutturato e inaugurato nell’estate 2015 in concomitanza con il Centenario della GG, il museo si trova al centro della Zona Monumentale Sacra, così dichiarata per decreto di legge del 1978. Qui trincee e camminamenti, gallerie e postazioni originariamente scavate da Alpini e Fanti mandati alla guerra a queste quote, sono mantenute in sicurezza e rese visitabili (solo nella stagione estiva) da un numeroso gruppo di volontari che credono nei valori della memoria e del ricordo.

GROTTA DELLA MADONNA: nei pressi dell’ultima stazione – Punta Rocca – trova spazio in una grotta scavata nella nuda roccia dagli alpini della Brigata Cadore la famosa Statua della Madonna consacrata nel 1979 da Papa Giovanni Paolo II in visita alla Regina. La statua sta al centro di questa grotta-cappella, sede di culto e di alta spiritualità, con diretto accesso alla TERRAZZA PANORAMICA la più alta delle Dolomiti - meta di pellegrinaggi con possibilità di celebrazione della S.S. Messa.

Dalla funivia gli sciatori si immettono nello spettacolare carosello sciistico del Superski Dolomiti che offre 1.200km di piste servite da quasi 450 impianti di risalita.

Dalle stazioni si può ammirare un'incantevole panorama.

LA BELLUNESE: con i suoi 12km di lunghezza e i 1810m di dislivello risulta essere la pista più lunga delle Dolomiti. Da Punta Rocca porta direttamente a Malga Ciapèla – stazione di partenza degli impianti – e grazie ai collegamenti con le piste del Padon e Porta Vescovo si immette nello spettacolare carosello sciistico del Dolomiti Superski ( www.dolomitisuperski.com ) che offre 1200km di piste servite da quasi 450 impianti di risalita. CENNI STORICI: la Bellunese è stata la pista teatro del ben noto “Gigantissimo della Marmolada”, prima gara di slalom in assoluto della storia dello sci, tracciata da Guenther Langes sul ghiacciaio il 19 marzo 1935.

CINEMA: vari sono i registi che hanno scelto la Marmolada e/o i Serrai di Sottoguda per ambientare i loro film: “Marco Polo, “Cliffhanger”, che mette in luce uno Silvester Stallone nei panni della guida alpina, “L’Ultima neve di primavera” e “Black Tunnel”. Info: http://www.dolomiti.org/Ita/articolo.php?idArticolo=124&value=stay
SHARE...Share on FacebookPin on PinterestShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn